Assistenza telefonica immediata – clicca qui

Nel post precedente, vi abbiamo illustrato il caso di una nostra tesserata che, dopo l’intervento di Bastabollette, è riuscita a risolvere il problema del trasloco della linea telefonica. Come anticipato, questa pratica non è sempre priva di insidie. L’utente che intenda effettuare un trasloco, dovrà farne richiesta al proprio operatore di telefonia. In questa guida, prenderemo ad esempio la Società Fastweb, anche se, con le dovute modifiche, l’iter per il trasloco della linea è applicabile agli altri  i gestori di telefonia fissa (come Telecom, TeleTu, Vodafone, Infostrada, Tiscali).

Se hai bisogno di assistenza per il tuo trasloco, non esitare a chiedere la nostra assistenza gratuita attraverso il seguente modulo:

Prima di procedere alla richiesta di trasloco, occorre accertarsi di essere in regola con gli obblighi di pagamento dei Servizi. Altrimenti, se le fatture precedenti non sono state regolarmente pagate, la richiesta di trasloco non verrà portata a termine. Una volta appurato ciò, è necessario compilare il modulo cartaceo o elettronico presente nella propria MyFastPage: nel primo caso, il modulo deve essere inoltrato via fax. In alternativa è possibile scaricare il modulo cliccando qui. È inoltre possibile fare la richiesta tramite la registrazione vocale dedicata. Attenzione: la gestione del trasloco ha un costo. 

Trasloco Fastweb: tempi di lavorazione della richiesta

Una volta inoltrata la richiesta, Fastweb effettuerà le verifiche tecniche utili alla valutazione della fattibilità del trasloco (in questo post, il caso di un cliente che ha fatto richiesta con registrazione vocale). Da questo momento in poi, dovrebbero trascorrere al massimo 30 giorni. Eseguiti i controlli, la Società comunica al cliente l’esito delle verifiche e, in caso positivo, procederà con la procedura di allaccio della linea e il relativo addebito delle somme dovute (in questo post, una guida completa alla richiesta di trasloco).

L’allaccio della linea presso il nuovo indirizzo dovrebbe avvenire entro i 30 giorni successivi alla comunicazione di fattibilità del Servizio. In questi casi, il condizionale è d’obbligo. Dovrebbe avvenire entro 30 giorni: numerosissimi gli utenti che lamentano ritardi nell’erogazione del servizio. Come comportarsi in questi casi?

Cosa fare in caso di ritardo del Trasloco

Per prima cosa, evitare di fare mosse avventate, come dare disdetta del contratto (in questo post, un commento sulla sanzione AGCM per mancata lavorazione delle disdette Fastweb). La disdetta infatti, ammesso e non concesso che venga recepita da Fastweb (spesso le disdette vengono completamente ignorate da Fastweb, che continua a fatturare pur in assenza di servizio), limita o elimina del tutto l’inadempimento di Fastweb, che si può considerare a quel punto esonerata sia dall’obbligo di completare il trasloco sia dagli altri obblighi derivanti dal contratto (oramai disdetto).

Il primo passo da compiere, invece, è quello di effettuare un reclamo scritto tramite raccomandata A/R o fax o email indicando, nell’oggetto, il disservizio associato alla propria linea e avendo cura di conservare la copia della comunicazione inviata con eventuali risposte da Fastweb. Da tenere presente che, per un’unica linea, sono purtroppo verosimili più inefficienze. Non solo la linea potrebbe essere stata allacciata in ritardo, ma a seguito del collegamento, potrebbe avere problemi di funzionamento (per esempio funziona solo la linea voce  e non l’ADSL o viceversa) o, addirittura, non funzionare per niente (in questo post, un caso di malfunzionamento della linea gestito dalla nostra Associazione).

Nel caso in cui riscontriate più problematiche sulla vostra linea, è consigliabile inviare un reclamo scritto con raccomandata A/R, fax o email per ogni disservizio indicando, per ciascuna istanza, l’oggetto specifico riferito al malfuzionamento (in questo post, il caso di un utente la cui linea non è stata attivata) che si intende segnalare. In caso di reclamo, Fastweb ha 30 giorni di tempo per rispondere al vostro reclamo (in questo post, una guida su come agire in caso di mancata risposta ai reclami).

Trasloco Fastweb: come procedere in caso di ritardo e mancata risposta ai reclami

Superati i 30 giorni previsti dalle condizioni generali di contratto (oltre ai 30 iniziali in cui Fastweb deve verificare e comunicare la fattibilità tecnica del trasloco), Fastweb ha l’obbligo di allacciare la linea telefonica presso il nuovo indirizzo indicato dall’utente. Se questo non avviene, l’utente ha il diritto di agire nelle sedi opportune.

La nostra Associazione ha gestito numerosi casi di questo genere, riuscendo a ottenere ottimi risultati anche in situazioni che sembravano disperate (in questo post, un caso davvero complicato gestito con successo da Bastabollette). Ecco come agire in caso di ritardo nel trasloco:

  1. Se sono trascorsi 60 giorni dalla richiesta e la Società non ha ancora provveduto all’allaccio della linea, la linea funziona male o non funziona per nulla, effettuare un reclamo scritto tramite raccomandata A/R indicando nell’oggetto il malfunzionamento corrispondente;
  2. Attendere un riscontro da Fastweb: l’operatore ha  30 giorni di tempo per rispondere;
  3. Nel caso di mancata risposta, o di risposta non esauriente, potete rivolgervi direttamente al Corecom di competenza (in questo post, vi spieghiamo perché è meglio affidarsi a un esperto) o tramite un’Associazione di Consumatori (come Bastabollette), che vi presterà tutta l’assistenza necessaria per il ricorso al Corecom.
  4. Una volta presentato ricorso al Corecom, non dare disdetta del contratto: quest’azione potrebbe compromettere la buona riuscita della controversia. Attendete invece pazientemente l’evolversi del ricorso, che non potrà che portare alla condanna di Fastweb, con tutte le conseguenze del caso sia in termini di obblighi di completamento del trasloco sia in termini di rimborso delle somme ingiustamente addebitate pur in assenza di servizio telefonico o ADSL.

Se anche tu hai avuto dei problemi con il trasloco della linea Fastweb, non esitare a contattarci. Siamo reperibili all’indirizzo mail [email protected] o tramite il box assistenza presente in alto a destra in questa pagina.

Vuoi raccontarci la tua esperienza, o aggiungere commenti a questo articolo? Saremmo felici di leggere il tuo intervento, che puoi lasciare nell’apposito box “commenti – inizia la discussione” qui sotto!

 

 



Trasloco Fastweb: come tutelarsi in 4 mosse
5 (100%) 1 vote[s]