Oggi ti voglio parlare della truffa telefonica “del finto aumento tariffario” che gira già da qualche mese e per cui abbiamo ricevuto in associazione parecchie richieste di assistenza.

Ora te la descrivo di seguito. Tuttavia, se non ha voglia di leggere l’articolo, guarda la sintesi video qui sotto:

Di truffe telefoniche ci siamo già occupati in passato, come quando abbiamo parlato dei nostri amici tedeschi di Tellows.it, il sito che offre informazioni e strumenti per combattere le truffe telefoniche, segnalate dagli stessi utenti.

Come funziona la truffa del “finto aumento”

La truffa funziona così.
Ti squilla il telefono fisso. Rispondi.

Dall’altra parte c’è un operatore call center da tono un pò gasato, su di giri, magari con accento straniero, che dice di essere un operatore di TIM (o Vodafone, o Wind, a seconda del tuo operatore).

Ti fa un piacere, sembra. Ti dice che a breve la tua bolletta aumenterà di 10 euro al mese, a causa di imminenti variazioni tariffarie decise dal tuo operatore.

E ti offre una via d’uscita, apparentemente.

Ti racconta che se cambi operatore e passi a Wind, o Tim o Vodafone, non solo eviterai l’aumento, ma avrai pure una tariffa più vantaggiosa!

Toh! Fantastico. “Una volta tanto un servizio di call center che funziona” penserai.

“Ma – un momento” – ti chiedi – “mica mi faranno pagare i costi di disattivazione? Io so che quando si lascia il vecchio operatore, ci sono sempre dei costi o penali da pagare!”

“Ma Noooooooo!” – ti rassicura il nostro nuovo amico del call center. “Non c’è nulla da pagare, altrimenti che convenienza ci sarebbe?!”
“Ottimo”, ti dici. E procedi con l’attivazione dell’offerta, la registrazione telefonica ecc. ecc.
Quindi tutto è bene quel che finisce bene…

E invece no.

Perchè in questa storia non finisce proprio nulla. In questa storia inizia il calvario della truffa del “finto aumento”, che contiene tre bugie belle grosse.

Le bugie della truffa

1) Prima Bugia: l’operatore call center ti dice di essere della Tim, Vodafone, Tre ecc. ma non è vero.

E’ invece un povero lavoratore pagato a provvigione da imprenditori senza scrupoli che gli hanno preparato uno schema che lui deve recitare alla lettera per estorcere il tuo consenso all’attivazione di un nuovo contratto, che garantisce all’imprenditore senza scrupoli lauti guadagni, e al povero lavoratore del call center (che anche lui qualche scrupolo dovrebbe farselo, intendiamoci eh!) una misera percentuale di quei guadagni.

2) Seconda Bugia: l’operatore ti dice che il costo tuo contratto telefonico aumenterà.

E’ una enorme balla, dettata unicamente dall’intento di generare l’urgenza, in te che lo ascolti, di dover passare a un altro operatore più economico e, quindi, di truffarti.

3) Terza Bugia: l’operatore ti dice che non dovrai pagare alcun costo di disattivazione o penale in conseguenza del passaggio a nuovo operatore.

Anche qui, balla colossale. I costi di disattivazione, pur se è vero che in casi specifici che abbiamo descritto in questo articolo, non vanno pagati, in generale sono dovuti e possono essere anche molto salati, specialmente se nel contratto del vecchio operatore è presente un modem da pagare a rate.

Niente di più facile, in questo caso, che il vecchio operatore ti addebiti una bolletta finale di chiusura contratto da svariate centinaia di euro!

Ma cosa bisogna fare in questi casi?

5 Regole d’oro per salvarsi dalla truffa

Regola 1: Riattacca il Telefono

L’azione più scontata, ma anche più efficace, è: Riattacca il telefono, senza dire niente.

Non appena hai il sentore che l’interlocutore dall’altra parte non sia sincero/onesto/affidabile non ti fare scrupoli. Riattacca e vedrai non ti disturberà più. I truffatori odiano interagire con… chi non gli dà modo di raccontare le loro bugie 😁

Regola 2: Non Fare Contratti al Telefono

NON fare nuovi contratti a telefono, specialmente se sei tu a ricevere una telefonata e non invece tu a chiamare il call center dell’operatore. Nel primo caso infatti, a differenza del secondo, non puoi essere certo sulla identità della persona all’altro capo del telefono.

Regola 3: Non dire nulla che possa essere usato a tuo danno

Se proprio vuoi o devi parlare, non dare dati o risposte che possano poi essere usate o modificate a tuo danno, come i dati del tuo conto corrente, il numero di patente o carta di identità, il tuo codice di migrazione.

Cerca inoltre di non pronunciare la parola “si” durante la conversazione. Visto che stiamo parlando di truffe e delinquenti, pensi avrebbero problemi a tagliare parti della telefonata in modo da farla sembrare una richiesta di attivazione di nuovo contratto? E’ già successo in passato, purtroppo.

Regola 4: Verifica le informazioni che ti danno a telefono

Se comunque hai il dubbio che la telefonata possa essere autentica e temi di ricevere un aumento a breve in bolletta, puoi chiamare il numero dell’assistenza del tuo operatore telefonico (187 per TIM, 190 per Vodafone) o consultare il suo sito o quello di associazioni come la nostra che pubblicano regolarmente tutti gli aumenti tariffari degli operatori telefonici.

Varianti della truffa

Questa truffa si può presentare con delle varianti.

a) L’associazione. Una variante della truffa prevede addirittura che gli operatori call center si presentino come operatori di… un’associazione di tutela consumatori!!

b) Il modem è vecchio e va restituito. In questa variante ti raccontano la balla che il tuo modem non è “all’avanguardia” e per evitare “problemi di connessione e velocità” ti invitano a sostiutirlo.

A caro prezzo ovviamente!

Conclusione

Insomma devi essere consapevole che ti potresti trovare di fronte a veri e propri truffatori di professione, e quindi devi essere pronto alle misure più “dure” e decise. La migliore, a mio avviso è il riattacco della cornetta stile film spaghetti western. Non appena attaccano con le balle, riattacca il telefono. Bang! Hai appena steso il truffatore 🙂

Se nonostante tutto, ti ritrovi invischiato in una di queste truffe, beh a quel punto non ti resta che contattare la nostra associazione, che farà di tutto per aiutarti contro i soprusi dei truffatori!

Compila il modulo qui sotto e ti ricontatteremo in men che non si dica.

Richiesta consulenza gratuita all’Associazione BastaBollette