Lo scorso 7 aprile il Parlamento Europeo ha approvato la legge che abolisce definitivamente i costi del roaming europeo. Dal 15 giugno 2017, finalmente, si potrà utilizzare lo smartphone in tutta Europa utilizzando la propria tariffa nazionale.

Noi di bastabollette.it ti avevamo già parlato della questione; come ricorderai non tutti gli operatori italiani hanno messo in pratica le prime norme che prevedevano un abbassamento del roaming, in vigore già da un anno, e che di fatto stavano preparando la strada all’abolizione totale. La situazione per i consumatori era diventata insostenibile tanto che l’Agcom è dovuta intervenire, recentemente, sanzionando sia la Wind che la Tre, e obbligandole a rimborsare i clienti. Se vuoi ottenere il rimborso di costi sostenuti ingiustamente per aver utilizzato il tuo smartphone durante l’ultima vacanza all’estero noi possiamo aiutarti. Compila questo modulo e un nostro operatore ti aiuterà a riavere ciò che ti spetta.

Cosa cambia davvero con l’abolizione del roaming europeo

Dal 15 giugno 2017, quindi, potremmo utilizzare il nostro telefono in tutti i paesi europei senza paura di spendere una fortuna. Grazie all’abolizione del roaming, infatti, potremmo utilizzare tranquillamente il nostro pacchetto dati, anche all’estero. L’Unione Europea stava portando avanti la sua battaglia per il cosiddetto roam like at home ormai da anni. Non ci saranno più restrizioni e tutti gli operatori, nessuno escluso, dovranno adeguarsi. In poche parole se hai una tariffa con chiamate e SMS illimitati potrete utilizzarli anche all’estero senza nessun problema. L’unica restrizione ci sarà per i dati, che comunque potranno essere utilizzati, con alcune limitazioni.

L’uso dei dati in Europa

Come dicevamo anche l’uso dei dati è incluso, ma con alcune limitazioni, superate le quali andremo a pagare delle commissioni. Le nuove condizioni del like at home permettono agli operatori esteri di applicare un sovrapprezzo quando nel proprio paese di origine ogni GB ha un costo inferiore ai 3,85€.

Il sovrapprezzo, purtroppo, ci riguarda molto da vicino poiché l’Italia è uno dei paesi in cui costa meno navigare da mobile. Per capire se e quanto pagheremo per navigare durante i nostri viaggi all’estero dobbiamo fare un calcolo e scoprire se effettivamente paghiamo più o meno di 3,85 € per ogni GB (tasse escluse).

Quanto pagherò per utilizzare i dati?

Iniziamo con il calcolare il costo della nostra tariffa senza IVA; per farlo puoi usare questo strumento online. Facciamo un pratico esempio; tu hai una tariffa da 8 euro al mese, che sono 6,56 IVA esclusa. Questi 6,56 euro vanno divisi per i giga previsti dal tuo piano, che supponiamo siano 2. Andiamo a dividere 6,56 per i giga e otteniamo 3,28 euro. Se il risultato fosse stato uguale o superiore a 3,85€, tutti i GB inclusi nella tua tariffa sarebbero stati disponibili anche all’estero, ma in questo caso per scoprire quanti giga hai fuori dall’Italia dovrai fare un altro calcolo. Per calcolare il numero minimo di GB che il tuo operatore deve garantirti all’estero dovrai fare questo calcolo, sempre dopo aver scorporato l’IVA e tenendo presente che il costo per ogni GB extra usato all’estero sarà di 7,70 euro; tornando all’esempio di prima, se paghi 6,56 euro, devi calcolare 2*(6,56 / 7,7) = 1,62. Quindi qualunque sia il tuo operatore dovrà garantirti almeno 1,62 GB quando sei all’estero.
Il massimale di 3,85 €, al di sopra del qualle tutti i GB del mio piano saranno navigabili anche dall’estero, si andrà piano piano abbassando; il costo per giga infatti scenderà a 3€/GB già nel 2018 e a 2,25 GB nel 2019. Quindi sarà ancora più facile e conveniente navigare in roaming europeo.

I sovrapprezzi in caso di sforamento del limite

Non è ancora stata stabilita una norma in merito, ma probabilmente, per tutelare gli operatori telefonici, verrà posto un limite al numero di giorni che possiamo passare all’estero continuando ad utilizzare il nostro piano tariffario italiano. Gli operatori telefonici, da sempre contro l’abolizione del roaming in Europa, stanno già cercando di tutelarsi in questo senso, richiedendo quantomeno che il numero di giorni passati all’estero usando la sim italiana sia inferiore a quello dei giorni passati in Italia. L’operatore, al momento, nel caso in cui non dovesse essere rispettata questa “condizione” può contattare il cliente e chiedere spiegazioni, che dovranno essere fornite nel corso di 14 giorni. Nel caso in cui l’utente continui ad utilizzare il roaming per un numero illimitato di giorni, l’operatore potrà applicare dei sovrapprezzi, già stabiliti dall’Unione Europa, che sono di 3,2 cent per minuto (+ tasse) per le chiamate, di 1 cent per SMS (+ tasse) e di 7,7€ per 1GB (+tasse). In ogni caso prezzi decisamente accettabili se pensiamo che fino ad oggi il costo per un giga all’estero poteva raggiungere i 50 euro e che lo stesso, al momento fissato a 7,70 euro scenderà a 6€/GB nel 2018, 4,5€/GB nel 2019, 3,5€/GB nel 2020, 3€/GB nel 2021 e 2,5GB/ nel 2022.

Cosa devi fare per non pagare più il roaming in Europa

A partire dal 15 giugno l’azzeramento dei costi di roaming sarà automatico, tu non dovrai fare assolutamente nulla. Se il tuo piano telefonico prevede una tariffa per il roaming, il gestore telefonico è tenuto a contattarti e chiederti se hai intenzione di mantenerla o no. Se non darai nessuna risposta in questo senso al tuo operatore lui sarà tenuto ad applicare automaticamente il roam like at home.

Ovviamente, nel caso di mancata comunicazione o, peggio ancora, nel caso in cui l’operatore dovesse farti pagare costi per il roaming europeo non più dovuti potrai contestare la cifra pagata e farti rimborsare. I rimborsi sono obbligatori e ti spettano per legge. Ti ricordiamo infatti che alcuni operatori telefonici sono già stati obbligati dall’Agcom a restituire cifre addebitate indebitamente in questo primo anno di abbassamento dei costi di roaming.

Se hai già avuto problemi e vuoi recuperare al più presto i soldi che ti sono stati addebitati ingiustamente mentre eri in vacanza all’estero contattaci, utilizzando il modulo che trovi qui in basso. Ti aiuteremo gratuitamente ad ottenere il rimborso.