anziano che legge bolletta telecom in attesa di cambiare operatore
Molti lettori del blog ci hanno segnalato che in caso di situazioni passate di bollette non pagate, se tentavano il cambio ad altro operatore (c.d. portabilità del numero) il nuovo operatore si rifiutava di accettare la portabilità.

Esempio: Luigi è cliente Telecom. Non paga l’ultima fattura (per problemi vari alla linea) e chiede il passaggio a Infostrada. Infostrada rifiuta il passaggio perchè Telecom gli ha negato la portabilità per la bolletta non pagata.

Ebbene come abbiamo già scritto altre volte sul blog, come in questo post su portabilità nonostante bolletta non pagata, questa pratica è illegale e può essere agevolmente respinta con un ricorso al Corecom regionale competente (che la nostra associazione può seguire insieme al utente).

A consentire il ricorso e a farci ritenere sicuro il suo accoglimento, tra l’altro, c’è la  delibera AGCOM  78/08/CIR dove si può leggere, al punto “g” del Comma 10 dell’Articolo 5:

“disattivazione completa del servizio di comunicazione per il numero MSISDN; qualora tale disattivazione sia stata causata da furto o smarrimento della SIM ovvero morosità, insolvenza o ritardo nei pagamenti di un abbonato mobile, essa non è opponibile come rifiuto alla portabilità, salvo il caso in cui tale disattivazione sia stata decretata dall’Autorità Giudiziaria.”

Quindi l’operatore non può in alcun caso rifiutare la portabilità del numero o il cambio operatore sulla base di un mancato pagamento di bolletta o fattura precedente. Dovrà intanto consentire la portabilità e poi, eventualmente risolvere la questione in sospeso con l’utente.