Assistenza telefonica immediata – chiama 329 42 61 062

Chissà quante volte ti sarà capitato: sei in aereoporto e improvvisamente vieni a sapere che il tuo volo è in overbooking e ti comunicano un negato imbarco. Che fare in queste antipatiche situazioni?

Non tutti sanno che esistono delle norme europee che proteggono i passeggeri assicurando dei vantaggi economici (compensazioni, rimborsi , risarcimenti) e altri benefici sostanziali.

Vediamoli in dettaglio.

Cos’è il negato imbarco e l’overbooking

Il negato imbarco si verifica quanto il passeggero non viene imbarcato a causa dell’eccessivo numero di prenotazioni (c.d. overbooking o sovraprenotazione).

L’art. 4 del Regolamento (CE) n. 261/2004 prevede che la compagnia aerea interessata dal negato imbarco debba procedere al c.d. “appello ai volontari”, per verificare se vi siano tra i passeggeri, dei volontari disposti a cedere il proprio posto in cambio di benefici da concordare.

Se non ci sono volontari, il passeggero cui viene negato l’imbarco ha diritto a ricevere dalla compagnia aerea una COMPENSAZIONE PECUNIARIA calcolata in base alla tratta (intracomunitaria o internazionale) e alla distanza percorsa:

 

VOLI INTRACOMUNITARI INFERIORI O PARI A 1500 KM euro 250

VOLI INTRACOMUNITARI SUPERIORI A 1500 KM euro 400

VOLI INTERNAZIONALI INFERIORI O PARI A 1500 KM euro 250

VOLI INTERNAZIONALI TRA I 1500 E I 3500 KM euro 400

VOLI INTERNAZIONALI SUPERIORI AI 3500 KM euro 600

 

Se la compagnia offre al passeggero la possibilità di viaggiare su un volo alternativo entro poche ore, e lui non  dovesse accettare, può ridurre l’ammontare della compensazione del 50%

Come va pagata la compensazione

La compensazione pecuniaria va pagata in contanti, mediante trasferimento bancario elettronico, con versamenti o assegni bancari o, d’accordo con il passeggero, con buoni di viaggio e/o altri servizi, indipendentemente dall’ammontare del prezzo all’atto dell’acquisto del biglietto.

Quest’ultimo punto è importantissimo, perchè le compagnie aeree molto spesso offrono esclusivamente buoni di viaggio o sconti, senza informare il passeggero chè è suo diritto pretendere il pagamento pecuniario.

 

Inoltre il passeggero ha diritto al RIMBORSO del prezzo del biglietto per la parte del viaggio non effettuata oppure in alternativa alla RIPROTEZIONE il prima possibile o in una data successiva più conveniente per il passeggero, in condizioni di viaggio comparabili.

 

Ancora, il paggeggero ha diritto a una assistenza adeguata e cioè

  • pasti e bevande in relazione alla durata dell’attesa
  • adeguata sistemazione in albergo, nel caso in cui siano necessari uno o più pernottamenti
  • trasferimento dall’aeroporto al luogo di sistemazione e viceversa
  • due chiamate telefoniche o messaggi via telex, fax o e-mail

 

Se anche tu hai subito un negato imbarco e hai bisogno di assistenza, contattaci, ti forniremo assitenza per far valere i tuoi diritti, gratuitamente. Compila il form qui sotto o invia una mail a [email protected]